SALVINI: “Probabile voto a settembre”

Salvini sembra sempre più convinto che la maggioranza possa crollare a breve. Per il leader leghista non ci sono possibilità di governo alternativo ma solo le elezioni. Questa volta non si cade ad agosto ma a settembre.

I numeri al senato per il Conte bis continuano a restringersi. Nei 5s il gruppo è diviso tra la linea Grillo, quella di Di Battista, e chi abbandona definitivamente. Come l’ultimo passaggio della Riccardi in Lega. E Salvini fa capire che ce ne sarebbero altri pronti a seguirla.

A Palazzo Madama i giallorossi sono a 162 su un totale di 321. Un solo seggio per raggiungere la maggioranza. E il governo conta anche su 7 senatori del misto e 3 del gruppo autonomie. In caso di difficoltà di solito intervengono due senatori a vita.

Se al pallottoliere della camera alta si aggiungerà anche la pressione degli italiani che dopo l’estate potrebbero chiedere il conto economico al governo, ecco che Salvini ha visto giusto. E nessuno sarebbe in grado di salvare il proprio seggio con un governo alternativo. La rabbia sociale porta dritto al voto.

A settembre si voterebbe per le regionali, il taglio dei parlamentari e le nuove camere. A quel punto al Pd sfuma l’elezione del presidente della Repubblica e torna l’altro messaggio salviniano: “lo eleggiamo noi del centrodestra con i 5s”. MT